SHARE

La mossa di Berlusconi, che ha rilanciato l’accordo con Renzi sul sistema tedesco, ha colto tutti di sorpresa e potrebbe essere il punto di svolta della legislatura.

Le prime risposte dal PD autorizzano qualche ottimismo sulla possibilità che si riesca a trovare un’intesa con Forza Italia sul nuovo meccanismo di voto, che dovrebbe seppellire per sempre il cosiddetto Rosatellum, l’ultima proposta dei Democratici, che combina maggioritario e proporzionale al 50%, una sorta di Mattarellum, ma più “proporzionalizzato”.

Il “modello tedesco” (qui è spiegato il meccanismo di voto per il Bundestag) che funziona egregiamente in Germania da 70 anni, non è detto che funzionerà anche in Italia. Da noi infatti, quel che non va non è il sistema elettorale, ma  quello politico-istituzionale. È da un quarto di secolo, però, che la politica italiana si ostina ad inseguire la chimera del sistema elettorale perfetto, senza ottenere alcun risultato, perché il problema è altrove, è nelle istituzioni ingessate ed arcaiche e nella politica troppo spesso inconcludente ed autoreferenziale.

Il modello tedesco, comunque, è un ottimo modello, perché trova un buon punto di equilibrio fra rappresentanza e governabilità. Senza farsi eccessive illusioni, dunque, ben venga questo accordo.

Anche a Renzi, in definitiva potrebbe convenire, perché alla base il “tedesco” è un sistema proporzionale con un’importante correzione maggioritaria (i collegi uninominali) ed ha uno sbarramento sufficientemente alto (5%). Ma potrebbe convenirgli anche per un’altra ragione: perché Berlusconi ha condito la sua proposta con un impegno importante: quello di fare presto e tornare alle urne a settembre-ottobre. Che, alla fine, è quel che al leader del PD preme di più.

Vedremo il finale della partita. Ma, se davvero si dovesse trovare un’intesa sulla legge elettorale fra PD e FI, allora prepariamoci a diventare anche noi un po’ tedeschi: andremo al voto con il sistema elettorale della Germania e, magari, nello stesso giorno in cui si voterà in Germania (24 settembre).

[google-transator]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here