SHARE

Alla vigilia del Consiglio europeo, il Professor Gustavo Piga, economista e docente alla Sapienza di Roma, ha rivolto un appello al Presidente del consiglio Enrico Letta perchè non ceda alle pressioni della cancelliera Merkel, che secondo molti, potrebbe chiedere all’Europa un nuovo e pericoloso giro di vite Sul controllo dei bilanci dei paesi in difficoltà. Qui di seguito l’appello:

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Enrico Letta.

Ill. mo Presidente,

«Il nostro destino può essere quello che vogliamo solo se l’Europa farà scelte diverse da quelle fatte finora». Queste sue parole, così importanti, furono pronunciate poco prima dell’insediamento del governo da Lei presieduto e del suo tempestivo e immediatamente successivo tour europeo.

 Tra meno di 24 ore lei si recherà nuovamente a Bruxelles per un Consiglio Europeo che si annuncia decisivo per il destino dell’Europa, il primo dallo svolgimento delle elezioni tedesche.

Sono sempre più frequenti i riferimenti ad una richiesta proprio dalla Germania di accelerare sul fronte dei c.d. “contractual arrangements” ovvero degli accordi contrattuali che dovrebbero limitare ulteriormente la flessibilità dell’ultimo strumento di politica economica che i singoli Stati hanno  ancora a disposizione, quello della politica fiscale, per fronteggiare una recessione che rischia di far esplodere tensioni sociali ed economiche insostenibili, mettendo a repentaglio la permanenza nell’area euro e dunque il progetto europeo.

Come da Lei stesso comunicato alla Camera dei deputati ieri 22 ottobre, “la strada per uscire dalla crisi non è costruire nuove gabbie di procedure, monitoraggi, sanzioni”.

Con questo appello la preghiamo di porre dunque senza indugi il veto, all’interno della riunione del Consiglio europeo, a qualsiasi proposta di ulteriore riduzione dell’autonomia fiscale dei singoli Paesi Stati membri dell’area euro.

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here